Dopo gli 899, arrivano gli 894 e 895 a gonfiare le nostre bollette PDF Stampa E-mail

Due nuovi numeri potrebbero disturbare di nuovo le bollette telefoniche dei poveri consumatori. Da qualche giorno ai tanti numeri a sovrapprezzo (899, 892, satellitari, 48xx, ecc…) si sono aggiunti i numeri 894 e 895. Le nuove numerazioni, previste dal piano di numerazione nazionale dell'Agcom, delibera 26/08/CIR, sono in teoria riservate a “servizi di chiamate di massa” (894) e a “servizi di assistenza e consulenza tecnico-professionale" (895). Si tratta di numeri che non rientrano tra i disabilitati in automatico dalla delibera dell'Agcom, cioè gli utenti possono chiamare liberamente gli 894 e gli 895 e rischiare nuovamente a fine mese di vedersi recapitare super bollette.

Gli operatori del settore stanno pubblicizzando tali disponibilità alle aziende teoriche fornitrici di servizi: si va dall'annuncio sobrio di Telecom Italia, a quello più spinto di Goldline899, fino all'esplicito "Sono partite oggi le nuove Numerazioni 895. Affrettatevi a richiederle se non lo avete ancora fatto", del gestore Karupa, che in una comunicazione di qualche settimana fa scriveva: "Entro metà febbraio saranno aperte le nuove numerazioni 895 NON DISABILITATE da rete fissa". A nostro avviso gli operatori, sopracitati, stanno pubblicizzando i nuovi numeri alle aziende, sottolineando proprio il fatto che non siano disabilitati da rete fissa.

 

Da sempre i numeri a sovrapprezzo sono stati utilizzati da soggetti che, con il benestare interessato dei principali gestori, ne hanno fatto un uso distorto, anche grazie alla manifesta impotenza dell’Agcom e del Ministero delle Comunicazioni. Pertanto non ci stupiremmo se un numero 895 o 894 fosse utilizzato non da studi legali o di ingegneri, ma da società che in modo truffaldino installassero sul pc dialer o inducessero gli utenti ad utilizzare queste numerazioni (tramite quiz tv fasulli o sms che invitano a telefonare alla propria inesistente segreteria telefonica).

 

A seguito del blocco delle numerazioni speciali dell’ottobre scorso, abbiamo riscontrato come le segnalazioni per bollette gonfiate abbiano subito un repentino calo a testimonianza del fatto che la chiamate, nella maggior parte dei casi, erano carpite con l’inganno; ora con gli 894 e 895 i meccanismi truffaldini potrebbero ripartire in grande stile.

 

Lega Consumatori consiglia ai clienti, che intendessero disabilitare le chiamate verso le numerazioni a sovrapprezzo, di comunicare semplicemente al proprio gestore telefonico la volontà di disattivare sulla propria linea tali servizi.